Storie di Stagione

NEBBIA   Quando, nelle mattine d’inverno, si esce per la scuola, la si incontra ovunque. La mamma, previdente, ci ha fatto indossare una camicia pesante con il maglione. Lei vorrebbe penetrarci fino alle ossa, ma noi, ben protetti, si fa finta di non vederla.
Nebbia è sempre triste al mattino. Quasi forma di dialogo mal riuscito, sempre tentennante, non è stata ancora capace di risolvere l’enigma che porta con sé.
Ma quando il sole, fattosi forte col passare delle ore, la convince a distogliere lo sguardo dagli uomini ed a elevarlo al cielo, in noi nasce una improvvisa tenerezza.
E l’anima si fa contenta: forse lassù l’enigma le sarà svelato e Nebbia potrà ricomporre il suo corpo sparso. 
   61sec il tempo di ascolto
 

DOMENICA DELLE PALME

folio di Primavera
 
C'era fermento intorno, uomini d'importanza aspettavano; alcuni, adagiati, riposavano.
Poco intendeva, lui, stanco com'era dalle fatiche d'Autunno, ma,
quando vide una stella del cielo passare bassa
e quegli uomini accodarsi al suo inseguimento,
desiderò in cuore di partecipare a quel viaggio.
E, poiché sono questi desideri preziosi,
mosse ed incamminò dietro ai Signori:
tre d'importanza ed altri di folla.
Muovevano di notte, decisi, non visti, e seguivano la cometa. E una notte, arrivarono. Davanti, una capanna.
I tre si prostrarono ed offrirono doni ad un bimbo nato da poco:
il Signore dei Signori, dicevano, l'Uomo più Grande.
Olivo guardava, poco intendeva anche di quei discorsi,
però il bimbo gli piaceva ed anche il daffare degli angeli,intorno;
alcuni la madre aiutavano.
Un impulso del cuore si fece linfa e smosse Olivo,
una cosa grande doveva fare anch'egli, forse l'unica …
mosse incontro a quel Dio e fece dono di sè.
La storia poi racconta che quella Madre, all'atto di ricevere tal dono, ne accarezzò le foglie e che queste, d'incanto, splendettero d'argento perenne. Poi, una domenica, più avanti nel tempo, quel Signore venne in città, ed Olivo corse ad accoglierlo trepidante; alla sua vista non riuscì più a trattenere la gioia ed esplose, frantumandosi in rametti agitati da mani festose.
Da allora, ogni anno, la Domenica delle Palme, bambini d'ogni paese portano a tutte le famiglie dei rametti di olivo argentato, in cambio d'una piccola ricompensa, a ricordare che quel Signore sta venendo da noi, e ch'è ora di aprire le città dei nostri cuori.
112sec il tempo di ascolto
 

PRIMAVERA

Il quaderno s'aperse …
E lo sguardo diresse verso la duna schiacciata
da precipitose ondate d'un mare infreddolito.
Più avanti,il bagnasciuga, costringeva la Vista al terreno,
in ricerca d'una fine a quelle rughe interminabili.
Sarebbe risalita ed ammutolita poi: un cavallo, stazionava, in riva.
Un'onda malsana rifletteva su di lui nere macule rovinando il candore della sua presenza.
Pellicola impressionò fortemente a tal vista che, preso un sasso,
ruppe l'immobilismo dell'onda e diede scadenza a quel sortilegio.
Il cavallo ridivenne splendore.
Pellicola più non resistette …
ed impressionò nuovamente.
Uno scatto s'era compiuto,
Pellicola lasciò il passo al fotogramma successivo. Lo Sviluppo e la Stampa mostrarono poi l'abilità d'un Fotografo.
 
Il quaderno si richiuse.
 
57sec il tempo di ascolto